Il Libro del Terremoto

Al nonno Carlo piaceva riparare qualsiasi genere di cosa gli capitasse tra le mani, apportando spesso anche modifiche non previste e particolarmente stravaganti ad ogni oggetto per migliorarlo, quando però incappava in dubbi di progettazione o sul come procedere, allora si interrompeva bruscamente ed era solito dire: “Chicco, qui bisogna consultare il libro del Terremoto”.

 

Io allora con la curiosità tipica dei bambini lo seguivo subito con la coda dell’occhio, ma tenendomi sempre a debita distanza, mentre trafficava tra i cassetti alla ricerca di qualcosa, sperando di vedere le fattezze materiali di questo libro che mi evocava qualcosa di biblico e misterioso: pensavo infatti che questo manuale dalle molteplici risposte potesse essere qualcosa di davvero magico. Passato qualche giorno immancabilmente il nonno trovava la soluzione al problema e mi raccontava a colazione le linee guida che gli erano apparse, praticamente sempre di notte sotto forma di scene oniriche.

 

Rimasi sempre affascinato da questo libro mistico del nonno che non ho mai trovato, ma che ci sia non vi è dubbio visto che ora trasmette a noi le mille soluzioni ai nuovi problemi “enigmagici” dell’ officina che - per chi ci conosce e lo sa bene - non svaniscono proprio mai...